PC per i bambini: si si può!

Con l’andare degli anni, è impossibile evitare l’accumulo di vari oggetti di vario genere informatico in casa nostra. Nei cassetti ci ritroviamo in mano con diversi Tablet, Smartphone, a volte anche con dei portatili. Troppo vecchi per essere utili ai nostri scopi quotidiani, ma non ci va nemmeno di venderli online. Tutto ha un utilità futura, così come anche quella di poter cominciare a dare ad un bambino (nostro figlio, un nipote, e così via) il suo primo PC.

Ma prima di semplicemente lasciare in mano un vecchio computer in mano a

d un bambino, prendete queste piccole precauzioni per evitare equivoci futuri:

  • Innanzitutto: un reset completo, dalla testa ai piedi!

I vostri dati personali, così come le pagine visitate sul web, e così come tante altre informazioni: sono tutte faccende contenute all’interno del vostro portatile e, purtroppo, possono far scappare domande fastidiose. La soluzione a questo problema dipende maggiormente dalla vostra abilità informatica, o dal sistema operativo installato.

Con Windows 10 e Windows 8.1, la faccenda è molto semplice. Ad esempio per Windows 8 basta entrare nelle impostazioni del PC e cercare la sezione “Aggiorna e ripristina”. In Windows 10 la sezione è simile, anzi è anche più facile da cercare visto che ha un opzione di ricerca dedicata.

Basta specificare che insieme al ripristino, Windows deve eliminare tutti i dati personali. A conseguenza di tutto ciò, verrà piazzata un’installazione fresca del sistema operativo, e tutti i vostri dati – anche quelli temporanei – verranno rimossi.

Se il vostro PC è decisamente più vecchio (Windows 7 e precedenti) non esistono funzioni già integrate per il ripristino. Bisogna effettuare un’installazione da zero, con tanto di formattazione dell’HDD. Questo non include un aggiornamento a Windows 10, considerando che nella maggior parte dei casi i dati personali vengono conservati.

Il mezzo più comodo è effettivamente quello di passare a Windows 10, ma scaricando il suo file d’installazione (https://www.microsoft.com/it-it/software-download/windows10) ed usando una penna USB. In questo modo potrete eliminare tutto ed anche aggiornare il vostro PC, anche se naturalmente bisogna considerare se è capace di supportare Windows 10.

  • La messa in sicurezza: a forma di bambino

Una volta che il PC è pronto all’uso, dovete naturalmente mettervi nella mentalità d’una persona molto più giovane di voi. Quali sono i rischi?

Ovviamente il primo pensiero va ai virus e ai malware. Se avete Windows 10, Windows Defender è già un perfetto compagno di navigazione (altrimenti, un antivirus gratuito come BitDefender va già bene). Non bisogna mancare la presenza d’un buon browser come Chrome o Firefox, con l’aggiunta d’un estensione contro la pubblicità o che esclude i siti più adulti dalle ricerche del bambino. Eventualmente potete piazzare anche un controllo parentale su alcune faccende come i programmi, la durata d’uso, ed altro ancora.

  • I programmi: non bisogna dimenticare giochi, scorciatoie, ed altro ancora

Finita la messa in sicurezza, non manca che aggiungere elementi di svago e didattica all’interno del PC. Giochi che hanno entrambi questi elementi non mancano, ad esempio Minecraft è un ottimo esempio di gioco impegnativo e costruttivo. Impostare delle giuste scorciatoie ai siti che contano (magari anche mettendo delle scorciatoie sul desktop) possono inoltre incoraggiare il bambino ad esplorare siti fatti su misura per lui.

Condividi con i tuoi amici e colleghi