Norton Antivirus aggiunge il mining di criptovaluta Ethereum

ethereum-norton Norton Antivirus aggiunge il mining di criptovaluta Ethereum

Con una mossa a sorpresa, uno dei produttori di software antivirus più noti al mondo sta aggiungendo il mining di criptovaluta ai suoi prodotti.

I clienti di Norton 360 avranno accesso a una funzionalità che permette di effettuare mining di Ethereum nelle “prossime settimane”, ha affermato la società.

Il “mining” di criptovalute funziona utilizzando l’hardware di un computer per eseguire calcoli complessi in cambio di ricompense in criptovalute.

Non è chiaro quale sia il modello di business di Norton Crypto o se Norton prenderà una parte dei guadagni.

L’azienda ha lanciato l’idea come un modo semplice e sicuro per entrare nel settore del mining di criptovalute, una “parte importante della vita dei nostri clienti”.

In un comunicato stampa, Norton LifeLock – una volta chiamato Symantec – ha dichiarato: “Per anni, molti minatori di monete hanno dovuto correre dei rischi nella loro ricerca di cryptovalute, disabilitando i loro antivirus per eseguire il mining”.

Questo è vero, poichè alcuni software antivirus come Norton stesso, spesso identificano erroneamente i programmi di mining più famosi, come pericolosi e il software antivirus spesso deve essere disattivato per continuare il processo.

Norton avverte anche di “consentire codice non controllato sulle proprie macchine” e del pericolo di archiviare i guadagni su un disco rigido che potrebbe guastarsi.

Ma la maggior parte dei minatori appassionati utilizza una piccola nicchia di app di mining, alcune delle quali sono poco più che semplici script da riga di comando, e un portafoglio digitale memorizzato sul Web o su uno smartphone.

Mettere in comune milioni di utenti

L’estrazione di Ethereum come minatore solitario è molto difficile, basandosi sulla fortuna e su un potente hardware di calcolo per ricevere monete.

Gli screenshot forniti da Norton sembrano suggerire che il sistema utilizzerà invece un “pool” in cui un numero molto elevato di minatori contribuisce con la potenza di calcolo di cui dispone e divide la ricompensa in base al lavoro svolto dalle loro macchine.

Ma tali pool richiedono quasi universalmente un taglio percentuale: un taglio dell’1% di tutti i guadagni è uno standard ampiamente utilizzato.

 

Se Norton perseguisse un tale modello, in effetti, sfrutterebbe i computer dei suoi milioni di clienti per generare un nuovo flusso di reddito.

E il processo utilizza molta energia , il che può significare bollette energetiche più elevate per i consumatori ignari.

La società ha detto alla CNN che stava considerando di aggiungere altre criptovalute oltre a Ethereum in futuro.

La mossa è stata accolta con un certo scetticismo tra gli appassionati di tecnologia.

 

E il sito di notizie tecnologiche The Verge ha evidenziato che Norton viene spesso preinstallato su molti laptop, offrendo un servizio gratuito per un po’ prima di richiedere un abbonamento.

“È facile immaginare un’azienda, non necessariamente Norton, che offre computer più economici o addirittura gratuiti, se trasformi i tuoi cicli di elaborazione inutilizzati in una fonte ricorrente di profitto per i produttori di bloatware che sovvenzionano il tuo acquisto”, ha scritto.

 

“Norton potrebbe aprire una porta qui difficile da chiudere.”

Nella sua dichiarazione, Gagan Singh, dirigente del prodotto Norton, ha dichiarato: “”Siamo orgogliosi di essere la prima azienda di sicurezza informatica dei consumatori a offrire ai minatori di monete la possibilità di trasformare in modo sicuro e semplice il tempo di inattività sui propri PC in un’opportunità per guadagnare valuta digitale.

“I nostri clienti possono estrarre criptovalute con pochi clic, evitando molte barriere all’ingresso nell’ecosistema delle criptovalute”.

Condividi con i tuoi amici e colleghi