Linkedin e branding aziendale

Ormai è cosa risaputa, quando si parla di Linkedin si parla di una piattaforma social altamente professionale.

Ma come si può rendere vincente il proprio brand aziendale tramite la piattaforma linkedin? Vediamo insieme alcuni semplici regole, che sono in realtà, alla base di ogni strategia, per poter migliorare il proprio brad.

 

  • OBIETTIVI E TARGET
    Potrà sembrare banale, ma rispondere a delle semplici domande come: chi sono? – perchè posto? – cosa posto? – dove e quando? ci aiuterà a definire bene gli obiettivi ed i targhet, utilizzando anche un piano editorale, basato su uno schema AIDA, ovvero attenzioneinteressedesiderio azione. 

    1- ATTENZIONE: Un contenuto infatti deve creare attenzione nel consumatore, infatti nella giungla della pubblicità, solo una piccola parte di essa verrà percepita.
    2- INTERESSE: L’attenzione non basta, bisogna creare interesse. Nonostante possano sembrare simili come concetti, a livello emozionale sono ben diversi, perchè l’interesse perdura nel tempo
    3- DESIDERIO: Oserei dire anche l’esigenza. Identificarsi in una pubblicità o in un qualsiasi contenuto, porta il consumatore a sentire l’esigenza vera e propria di quel determinato prodotto. Si contestualizza.
    4 – AZIONE: il contenuto, qualsiasi esso sia, deve sempre insurre il consumatore a finalizzare la propria azione, che generalmente convoglia in un “acquisto”.

  • PAGINE SEO FRIENDLY: fruttando le parole chiave più adatte ottimizzando il sito sui motori di ricerca per il profilo aziendale linkedin. Inserisci chiaramente link per approfondimenti. Scrivi quindi l’URL del tuo sito sulla pagina aziendale linkedin e viceversa in modo ben visibile, le piattaforme social su cui sei presente, in modo che le persone possano seguirti anche in futuro.
  • CONTENUTI CHIAVE: si, i contenuti sono alla base di un buon posizionamento. Chi ci segue lo fa perchè trova utile ed interessante per la propria formazione personali, i contenuti da noi pubblicati.  Per trovare l’argomento adatto, fatti ispirare dalla rete, dagli influencer, e da chiunque abbia il potere di influenzare le decisioni di acquisto degli altri a causa della sua autorità.
  • PORSI COME ESPERTI DEL SETTORE: partendo dal presupposto che voi lo siate, ovviamente, ciò che è fondamentale è porsi in maniera esaustiva con i vostri contatti. Per stabilire il vostro expertise, dovrete quindi essere pronti a condividere liberamente le vostre conoscenze.
  • UTILIZZA STRUMENTI DI MONITORAGGIO: inizialmente, durante e dopo aver iniziato il vostro percorso sui social, ciò che è fondamentale è tenere traccia di ciò su cui si sta operando. Infatti grazie a strumenti di monitoraggio come Google Analytics, riuscirete facilmente a rendervi conto se il vostro modus operandi è corretto, se ci sono modifiche da eseguire, o se bisogna dare un netto taglio al vostro piano editoriale.

Seguite queste semplici regole, ma non dimenticate mai l’intuito, la passione per il vostro lavoro e la fantasia!

BONUS 2021: la lista di tutti i bonus previsti per il 2021

Il nuovo anno è iniziato, e con esso arriveranno una pioggia di Bonus che il governo ha stanziato, al fine di poter agevolare la ripresa.

Un piccolo resoconto di tutti i bonus.

Bonus facciate 2021

L’incentivo per il rifacimento delle facciate di casa è stato rinnovato fino a fine 2021. Esso consente di ricevere una detrazione d’imposta del 90% dei costi sostenuti per gli interventi di recupero o restauro della facciata esterna. Leggi tutto

Come Bloccare le porte USB del computer

Avete esigenza di bloccare le porte USB del vostro pc per evitare che qualcuno possa inserire dei dispositivi di archiviazione esterni?

Un quesito comune, volto molte volte a motivi di privacy (es. computer aziendali dove non si deve poter esportare dati su dispositivi USB esterni), è quello di come poter bloccare le porte USB di un computer.

La risposta è in una piccola utility che ci facilita il lavoro senza dover impostare le policy per le porte USB manualmente.

Leggi tutto

Risoluzione Another instance of Certbot is already running

Può capitare che durante l’aggiornamento o l’installazione di un certificato tramite Certbot / LetsEncrypt si presenti il seguente errore: Another instance of Certbot is already running .

Questo può capitare se si è verificato un errore durante una precedente installazione di un certificato o se accidentalmente il server è andato in crash.

 

La procedura per risolvere questo errore è molto semplice ed immediata.

Innanzitutto riavviare la macchina per evitare che vi siano realmente processi in fase di running.

Se non è possibile riavviare la macchina, è possibile ovviare al problema cercando i processi avviati nella macchina con il seguente comando:

ps -ef | grep certb

a questo punto spunteranno fuori tutti gli eventuali processi che sono caricati in memoria.

Bisogna killarli col seguente comando:

kill XXXX

ovviamente dovrete inserire al posto delle XXXX l’id del processo da chiudere.

 

A questo punto per terminare la procedura e poter di nuovo avviare certbot, bisognerà lanciare un comando che va a cancellare i file .lock creati da certbot:

find / -type f -name “.certbot.lock” -exec rm {} \;

La procedura è ora terminata e potrete di nuovo utilizzare certbot.

Aggiornare / Installare plugin e temi Wordpress senza accesso FTP

wordpress installazione plugin

Buongiorno, oggi parliamo di come abilitare Wordpress all’installazione automatica dei componenti (Temi e Plugin) o ad effettuare gli aggiornamenti senza dover inserire un account FTP.

Infatti, quando noi installiamo per la prima volta Wordpress, per poter installare un qualsiasi componente, Wordpress ci chiede di inserire i dati dell’FTP per poter proseguire.

E’ possibile però abilitare l’installazione dei componenti anche attraverso l’utilizzo del File System e quindi senza dover necessariamente disporre di un account FTP.

Vediamo come:

  • Permessi di scrittura

Innanzitutto assicuriamoci che le cartelle wp-content, plugins, themes, upgrade ed uploads abbiano i corretti permessi di scrittura. Se così non fosse è necessario tramite il Gestore File del vostro hosting impostare dei permessi in scrittura che permettano di poter modificare e creare nuovi files all’interno di queste cartelle.

Solitamente i permessi 775 dovrebbero essere sufficienti per garantire i permessi di scrittura.

  • Modifica File wp-config.php

Una volta impostati i permessi di scrittura, bisogna aprire con un editor di testo (io consiglio per comodità notepad++ ma può andare bene anche il blocco note di Windows) il file wp-config.php.

Alla fine di questo file, bisogna aggiungere il seguente codice

define('FS_METHOD', 'direct');

wordpress fs upload

A questo punto bisogna salvare ed effettuare l’upload del file modificato.

Guida all’invio degli SMS in formato BULK con file CSV

ATTENZIONE! Il sistema di invio SMS Bulk è stato sostituito da un nuovo software proprietario, pertanto la seguente guida non è più valida!

 

Buongiorno, oggi vi spiegheremo come fare per inviare SMS in formato bulk tramite la nostra applicazione.

Innanzitutto bisogna creare un file CSV con i due campi che ci interessano: numero e testo dell’sms.

Per fare questa operazione, consigliamo di utilizzare sempre OpenOffice in quanto con Microsoft Excel spesso copiando i numeri, questi vengono modificati in automatico all’interno della casella, provocando problemi durante l’invio.

Leggi tutto